Articoli

Quando "credi" di acquistare un orologio "di marca"

Non facciamoci prendere “in giro”

Il mondo dell’Orologeria è essenzialmente tecnico. E non potrebbe essere altrimenti, visto che si tratta diQuando "credi" di acquistare un orologio "di marca" micro-meccanica di precisione.
Anche in esso, però, la legge del marketing ha preso il sopravvento. E la conseguenza è generalmente una certa confusione circa i valori delle espressioni tecniche.
Per definizione, l’orologio “di marca” non ha mai indicato qualità o peculiarità particolari. È sempre stato il modo di indicare, da parte degli addetti ai lavori, una maison che creava il proprio meccanismo. E lo “marchiava”.
Il mio vecchio professore di Orologeria Meccanica soleva sostenere, che non tutti gli orologi sono di marca … ma le vere marche sono orologi. Sottolineando con il termine “orologio” un prodotto ad alta precisione tecnica.
Il panorama è pieno di esempio di segnatempo che vengono considerati “di marca”, ma che in realtà contengono al loro interno meccanismi costruiti per tutti. O che comunque non sono creati dalla casa. Al massimo, in alcuni casi, da aziende acquistate e di proprietà. Ma con know-how e DNA completamente diversi da quello che ci si aspetterebbe da quelle specifiche marche.

Cosa c’è dentro

Ecco quindi che entrano in campo i grandi colossi commerciali. Il gigante Swatch Group, per esempio, è padrone di numerosi marchi. E anche di fabbriche che in passato hanno costruito movimenti di buona qualità per chiunque li richiedesse.
Nel particolare, una tra le più grandi di tali fabbriche si chiama ETA. In passato ha costruito movimenti veramente per “tutti”. Troviamo questi movimenti nei modelli a loro tempo commercializzati da Baume et Mercier, Omega, Longines, Savillon, Nobellux, e anche di altre più o meno importanti e prestigiose marche del panorama.
Oggi ETA è di proprietà di Swatch Group. Fino a qualche anno fa, il gruppo ha continuato a vendere anche ai concorrenti. Oggi ha stretto i cordoni. Ne deriva che troviamo movimenti ETA su Longines, Tissot, Calvin Klein, Swatch, Mido, Certina. Insomma su molti dei brand di proprietà del colosso.
Se acquistiamo ad esempio un orologio Longines, dobbiamo accettare il fatto che dentro NON ci sia un movimento Longines, ma un ETA.
Questa impostazione commerciale fa emergere in particolare diverse strategie di mercato. Affinché i grandi colossi come appunto Swatch Group, Richmont, LVMH, ed altri, possano stabilire graduatorie di qualità e di prezzo differenziate.
Un esempio ancora diverso è dato da Montblanc. Contrariamente a quanto molti credono, questo brand tedesco, leader negli strumenti di scrittura, è entrato nel settore orologiero con la dignità del grande marchio. Ha acquistato una fabbrica tra le più prestigiose e importanti del comparto, la Minerva. Ed ora i modelli più prestigiosi tra gli orologi Montblanc vantano in ESCLUSIVA il grande pregio di essere marchiati “Minerva”.

Come fare?

Questo stato generale delle cose fa sì, inoltre, che molti gioiellieri, evidentemente non troppo addentro alle questioni tecniche, vantino come “marca” dei semplici nomi. Che saranno anche in alcuni casi prestigiosi, ma che vivono di passato e non di attualità tecnica.
Tra le maison che costruiscono movimenti e li “marchiano” col loro “marchio”, possiamo trovare ad esempio Tag-Heuer, soprattutto in relazione ai suoi concept-watch, Montblanc (come abbiamo visto attraverso Minerva) e pochissimi altri.
Per orizzontarci nella scelta di un orologio di qualità, senza risentire troppo della spinta del marketing dobbiamo quindi cercare di capire “cosa c’è dentro”.
Questa politica non è diversa infatti da quella dei TV. Anche in questo campo spopolano tre o quattro maxi-gruppi, e sostanzialmente a variare sono piccoli particolari, ma anche e soprattutto il prezzo.
Rivolgersi ad un gioielliere che sia anche “tecnico” è di conseguenza la migliore garanzia. Il problema è che di codesti gioiellieri ormai se ne trovano pochissimi.
Enrico Cannoletta
Tecnico Orologiaio. Consulente Tecnico del Tribunale. GG GIA.
Gioielleriacannoletta.it 
 
 

Cronografo Ecosjewel limited edition, Natura ed esclusività

Tempo e Natura eterno connubiohttps://www.ecosjewel.com/prodotto/orologio-cronografo-ewc8-in-teak-wood-serie-limitata/

Un cronografo che ci accompagni durante le nostre performance sportive. È un articolo che nel catalogo di Ecosjewel non poteva mancare.
La brillante e dinamica azienda italiana, alfiere nel campo della gioielleria e dell’accessoristica ecologica, propone ora un segnatempo che ha tutti i requisiti per essere gradito a 360°.
Il nuovo cronografo Ecosjewel EWC8, dispone infatti di un “cuore” (il movimento) altamente tecnologico. Ed ha un “vestito” che non solo si accorda con la Natura, ma provvede a preservarla e proteggerla.
Ecosjewel Crono EWC8 appartiene a quella rara schiera di prodotti che fanno dell’esclusività una tra caratteristiche di alto fascino.
Sarà infatti completamente in legno Teak-Wood e disporrà di 3 contatori, come si addice alla più fulgida tradizione dei cronografi tipo “Tri-Compass”.
Come sappiamo ogni pezzo prodotto da Ecosjewel è unico è irripetibile. E questo perché la trama del legno utilizzato non può essere uguale in prodotto e poi in un altro.
Ma i fortunati possessori di Ecojewel Crono EWC8 Limited Edition non potranno mai essere più di 500 in tutto il mondo. E per sempre.
L’azienda veneta ha deciso infatti di numerare e limitare a 500 la produzione di questo segnatempo.

Ma c’è di più.

In attesa del lancio sul mercato mondiale, che avverrà attorno alla metà di novembre, l’orologio potrà essere prenotato da 100 fortunati. A loro sarà riservato uno sconto anch’esso irripetibile.
Il prezzo di listino di questo orologio destinato a diventare iconico, sarà di €. 169,00. Ma i primi 100 che lo prenoteranno entro il 15 novembre lo pagheranno solo €. 149,00 compreso le spese di spedizione.
Al momento in cui scriviamo i primi 4 orologi sono già stati prenotati. E come sappiamo, più basso è il numero di produzione e più interessante è per il mercato l’esemplare.
Per coloro che fossero interessati, il link che consentirà di visionare l’immagine e le caratteristiche in anteprima e quello che si raggiunge cliccando QUI.
Dalla stessa pagina si potrà prenotarlo, per averlo alla metà di novembre.

Tissot Chrono XL, le dimensioni del successo

Quando si parla di Tissot le reazioni del pubblico sono multeplici.Tissot Chrono XL, le dimensioni del successo
Gli appassionati di Orologeria e coloro che da anni seguono questo prestigioso marchio, pensano immediatamente alle grandi e storiche realizzazioni, che fanno parte della tradizione orologiera.
I giovanissimi visualizzano mentalmente invece un prodotto in linea con i più aggiornati trend della moda.
Gli sportivi, infine, non possono che riportare alla loro mente i perfetti strumenti cronografici che caratterizzano le prestigiose collaborazioni di Tissot con un grande numero di Federazioni Sportive con i relativi campionati.

Tissot è in effetti tutto ciò!

Il suo catalogo comprende una serie di collezioni mirate che soddisfano ogni gusto e appagano ogni desiderio.
Quest’anno il marchio propone una serie di cronografi denominata “Chrono XL”. Il nome è eloquente e si riferisce alle dimensioni dell’orologio.
Ma non bisogna fare l’errore di pensare che esse siano abnormi. Al contrario esse si riferiscono a misure che forse sarebbero state XL negli anni passati, ma che ora rispondono ad una circonferenza che porta il magico numero di mm. 45, ovvero tra le più ricercate nella moda attuale per un segnatempo da polso.
Alfiere della linea è certamente il Tissot Chrono XL T116.617.11.057.00. Un orologio dalla linea spartana ed elegante, che con la sua estetica sobria incarna in pieno l’immagine del brand.
Il contrasto tra l’antracite del quadrante ed il nero intenso dei contatori, esalta una classe innata.
Tissot T116.617.11.057.00 è infatti un cronografo di tipo Tri-Compass, capace di segnare sul quadrante analogico un’accuratezza di 1/10 di secondo. La frazione viene indicata sul quadrantino posto ad ore “2”.

Tissot Chrono XL, le dimensioni del successoGrinta e tradizione

La grinta, che si associa al marchio, come un sigillo, è manifestata attraverso la lancetta dei secondi centrale, rosso vivo.
Non può mancare in ogni Tissot un accenno alla sua verve, e di conseguenza al suo passato pionieristico. In questo caso si esprimono attraverso la forma dei pulsanti cronografici.
Adatto per ogni occasione, Tissot T116.617.11.057.00 si può immergere in acqua. La sua impermeabilità è stata testata fino a resistere a 10 bar, corrispondenti alla profondità di m. 100 in assetto statico.
Un ultimo accenno lo merita il bracciale. Costruito, come la cassa, in robusto acciaio anallergico, avvolge il polso con un tocco felpato, grazie alla lavorazione maniacale sugli attriti.
Insomma un orologio che rispecchia la qualità del marchio e che arriva sul mercato con un prezzo dirompente in convenienza e in rapporto alla qualità espressa.
Un must per gli appassionati del bello e delle modellerie più attuali.