Thomas Russell, l’orologiaio della Regina Vittoria

Thomas Russell, l'orologiaio della Regina Vittoria

Brevi cenni ad un filone collezionistico di grande pregio.

Nella giungla di offerte, proposte e ammiccamenti che si trovano sul mercato degli orologi da collezione, l’unica certezza è quella di affidarsi a esemplari che abbiano riscontri storici o tecnici rilevanti.

Per gli appassionati di orologi da tasca uno degli investimenti che mi sento di consigliare è quello di approfondire la Storia dell’Orologeria ed estrarne le nozioni giuste.

Certamente non sbaglia chi riesce a mettere le mani su un “Thomas Russell” da Liverpool. Questo orologiaio inglese si fregiò del meritato titolo di “Watchmaker of the Queen”, ai tempi della Regina Vittoria.

Si tratta di orologi che per male che vada hanno almeno circa 100 anni. E quelli venduti durante la vita della sovrana britannica risalgono a ben prima della fine dell’800. In questo caso l’incisione in corsivo “Watchmaker <oppure Maker> of the Queen” campeggia orgogliosa sulla platina. Esattamente sotto la firma dell’orologiaio.

Con la morte di Vittoria, Russell e i suoi eredi non posero più questa specifica, ma ovviamente proseguirono a firmare e/o marchiare le proprie creazioni. Tutti esemplari numerati e di altissimo pregio.

Come fare

La ricerca di pezzi come quelli sopra descritti, non è facilissima. Non tanto per la scarsa reperibilità degli orologi, ma perché molto raramente si trovano orologi “completi” e ben funzionanti.

Il mercato è inondato di meccanismi senza cassa. Anche per quanto riguarda i Russell è facile trovarne online. Ma sappiamo bene che aldilà della curiosità storica di qualche tecnico, il risultato di acquistare uno di questi movimenti “nudi” non paga.

Il motivo per chi si trovano i soli movimenti è dovuta al fatto che molti orologi sono stati dati per non riparabili, di altri il proprietario, ignaro del valore, ha voluto disfarsene, recuperando oro o argento della cassa.

Fatto sta che il collezionista che riesce ad accaparrarsi un Thomas Russell, originale, funzionante e ben conservato, è fortunato e molto invidiato dal colleghi.

In alcuni casi Russell, che voleva il meglio per le proprie produzioni e per la sua esigente clientela, importava le casse dagli USA. Nelle migliori delle ipotesi, quindi, si potrebbe avere la fortuna di trovare un Thomas Russell con cassa Elgin. Eventualità che toccherebbe l’apice se la cassa fosse quella che la casa americana brevettò nel suo sistema a vite.

 

Enrico Cannoletta on Facebook
Enrico Cannoletta
Tecnico orologiaio e gemmologo diplomato presso il Gemological Institute of America specializzato in orologeria meccanica e storia dell’orologeria, è stato uno dei primi tecnici in Italia esperti nella riparazione degli orologi a quarzo analogici, LED e LCD. Titolare insieme al figlio Emanuele della storica Gioielleria Cannoletta di Sanremo fondata da suo padre Antonio nel 1949 e Consulente Tecnico del Tribunale di Sanremo per il settore Preziosi. Collabora da diversi anni con il Blog degli Orologi, il Blog dei Gioielli e altre testate specializzate.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *