Rimontiamo il nostro orologio Goliath

Rimontiamo il nostro orologio Goliath

Seconda parte del breve tutorial per chi inizia.

Abbiamo lasciato il nostro orologio completamente smontato, dopo aver constatato la rottura della molla. Vediamo ora insieme come procedere alla sostituzione della molla e al rimontaggio.

Tenete conto che per maggiore scorrevolezza di questo tutorial, non abbiamo provveduto a compiere alcune seppur importanti operazioni estetiche. Nel caso di restauro di movimenti vecchi o antichi, è bene sempre occuparsi della lucidatura dei ponti. Operazione che andrebbe compiuta comunque in ogni caso, ma che negli orologi nuovi si rende necessaria solo qualora ci fosse presenza di ossido.

Per prima cosa estraiamo la molla rotta dal bariletto. Seguiamo movimenti circolari liberando una spira alla volta. In caso contrario la molla ci sfuggirebbe di mano proiettando il bariletto.

I parametri da rilevare per una corretta sostituzione sono lo spessore, la lunghezza e l’altezza. Le molle dei vecchi orologi erano composte dalla medesima lega, per cui non occorre avere pezzi calibrati. Esistono in commercio molle catalogate secondo il diametro del bariletto (e quindi rispondono ai canoni della lunghezza), lo spessore (quello che conferisce la “forza”), e l’altezza (che provvede a dare la giusta spinta e consente il posizionamento all’interno del bariletto).

Rimontiamo il nostro orologio GoliathProvvediamo ora a detergere il bariletto e a asciugarlo accuratamente.

Dopo aver preso le opportune misure e aver trovato la giusta molla, sistemiamola nel bariletto. A questo proposito dobbiamo compiere l’operazione inversa rispetto a quella effettuata per l’estrazione. Con movimenti circolari alloggiamo una spira per volta controllando che l’aggancio vada a sistemarsi sul fermo situato sulla parete interna del bariletto.

È la volta ora della sistemazione del pignone, che va collocato in modo da agganciare il foro a capo della molla. Fatto ciò provvederemo alla lubrificazione, depositando due gocce di olio denso o di apposito grasso in tre punti diversi dell’avvolgimento, ed uno sulla base.

Il rimontaggio

Dopo aver chiuso il bariletto ci dedicheremo al rimontaggio vero e proprio.

Approfittiamo che l’orologio sia completamente smontato per procedere alla pulitura. Afferriamo la platina inferiore e Rimontiamo il nostro orologio Goliathimmergiamola completamente nel liquido detergente. Spazzoliamo delicatamente ma decisamente la platina col pennellino facendo attenzione a pulire bene ogni parte. Al termine, col nostro soffietto, facciamo evaporare ogni traccia del detergente.

Posizioniamo la platina sul porta orologi e con l’ausilio delle preselle sistemiamo il bariletto. È da rimarcare che solitamente negli orologi da polso, il bariletto è dotato di un proprio ponte. L’operazione da compiere per prima sarà quindi il montaggio del ruotismo. Il nostro Goliath, invece, dispone di un unico ponte per il “grosso” ruotismo e il bariletto, per cui posizioneremo per primo il bariletto.

A seguire, facendo molta attenzione ai perni, collochiamo ai loro posti la ruota gran mediana, la ruota mediana e quella dei secondi. Come noterete non abbiamo una ruota centrale, motivo per cui la prima ruota che ingrana il bariletto è detta “gran mediana”.

Un’altra particolarità del nostro Goliath è quella di avere un ponte dedicato alla ruota di scappamento. Sistemiamo ruota e relativo ponte. Ovviamente ogni componente, prima di essere montato sulla platina inferiore, deve essere accuratamente pulito e asciugato.

Lubrificazione

Rimontiamo il nostro orologio GoliathGiunge quindi il momento della lubrificazione. La norma prevede l’utilizzo di almeno quattro lubrificanti diversi per vischiosità e densità: uno per la molla e gli ingranaggi di carica, un secondo per il grosso ruotismo, il terzo per lo scappamento e infine quello per il bilanciere. Per semplificare la vita a chi inizia possiamo utilizzarne due. Un olio o grasso specifico per la molla e i grandi ingranaggi, e il Moebius 8000 per tutto il resto.

L’àncora va lubrificata in modo infinitesimale sui suoi perni. Conosco colleghi che addirittura non mettono olio. Vanno invece lubrificate le lips dell’àncora che impattano la ruota di scappamento. Solo in questo momento possiamo caricare l’orologio, per assicurarci che l’àncora “scatti” bene.

Non ci resta che montare il bilanciere, facendo attenzione che la lip del plateau si posizioni tra le forcelle dell’àncora. Per facilitare l’operazione poniamo il ponte in posizione di 90° rispetto all’àncora e ruotiamo il ponte fino al punto in cui va appoggiato.

Quadrante e cassa

Per rimontare il quadrante porgiamo attenzione all’inserimento dei piedini, in modo che entrino contemporaneamente. Dopo Rimontiamo il nostro orologio Goliathaver avvitato le viti di fissaggio passiamo alle lancette. Collochiamo dapprima quella delle ore. una volta fissata, possiamo agire sull’albero di carica per portarla alle “12”. Sarà più facile a questo punto montare quella dei minuti controllando che le due lancette non si tocchino. Per ultima inseriremo la lancetta dei secondi.

Svitiamo la vite di fissaggio dell’albero ed estraiamolo per collocare il movimento nella cassa. Reinseriamo l’albero, riavvitiamo la vite e avvitiamo le viti di fissaggio.

Abbiamo quindi terminato la nostra prima riparazione. Chi volesse proseguire a cimentarsi deve considerare che la pratica è importantissima. Non stancatevi di montare e rimontare lo stesso orologio fino a quando non avete acquisito una pratica affidabile. Solo allora potrete affrontare movimenti più piccoli.

Buon lavoro!

 

 

Enrico Cannoletta on Facebook
Enrico Cannoletta
Tecnico orologiaio e gemmologo diplomato presso il Gemological Institute of America specializzato in orologeria meccanica e storia dell’orologeria, è stato uno dei primi tecnici in Italia esperti nella riparazione degli orologi a quarzo analogici, LED e LCD. Titolare insieme al figlio Emanuele della storica Gioielleria Cannoletta di Sanremo fondata da suo padre Antonio nel 1949 e Consulente Tecnico del Tribunale di Sanremo per il settore Preziosi. Collabora da diversi anni con il Blog degli Orologi, il Blog dei Gioielli e altre testate specializzate.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *