Citizen Marine BU2040-56L.

Il mare è un immenso deserto in cui l’uomo non è mai solo….di Sweet Glamours

Così diceva Jules Verne, uno degli scrittori più prolifici della storia.

Ma è anche vero che il mare non è mai stato amico dell’uomo: tutt’al più, è stato complice della sua irrequietezza.

Citizen Marine BU2040-56L

Citizen Marine BU2040-56L

Perchè il mare è così: una distesa infinita che sembra a portata di mano e invece e semplicemente irraggiungibile. Proprio come avviene con alcune persone.

E’ qui, è così che parte la sfida, quell’immensa voglia, grande come l’Oceano, di riuscire a dominare le mille sfaccettature che compongono l’animo, o in cui si rompe la luce del sole al tramonto sull’ineluttabile susseguirsi delle increspature.

Citizen Marine BU2040-56L, nella sua bellezza, ha lanciato due sfide: la prima è riflettere la bellezza, il senso di sfida e la voglia di avventura del mare; la seconda è catturare la luce dell’etere e farla diventare energia pura.

Guardando l’ Orologio Citizen Marine BU2040-56L della neonata collezione OF2015, possiamo dire che sono state vinte entrambe.

Per quanto riguarda la prima, il mare è perfettamente omaggiato, nella grandezza e nel colore, dal quadrante di colore blu, generoso con la sua dimensione di 46 mm di diametro che contiene anche i contatori interni Data e Giorno.

La seconda sfida è magistralmente vinta dalla tecnologia all’avanguardia Eco Drive, che cattura anche la più piccola fonte di luce e la rende energia che muove il Citizen Marine BU2040-56L, garantendo un funzionamento duraturo grazie anche al fatto che essa viene immagazzinata, diventando una riserva a cui attinge quando è buio e che dura ben 180 giorni.

Tanta tecnologia in una veste di splendente acciaio, pronto a tuffarsi, non solo idealmente, nelle acque del più profondo oceano, grazie all’impermeabilità garantita fino a 10 atmosfere.

Citizen ha vinto le sue sfide.

Tocca a voi ora, dopo aver indossato questo gioiello al polso, correre fuori e vincere le vostre!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *