Citizen anticipa: in Italia da Settembre Satellite Air e AltiChron

Pare ormai definitiva la scelta di Citizen di introdurre a partire dal mese di Settembre 2013, sia l’annunciato AltiChron Cirrus, l’altimetro analogico annunciato a Basilea, che la serie dei nuovi orologi satellitari, previsti precedentemente nel nostro Paese per Marzo 2014.

Si tratta in effetti di una dimostrazione di forza e sicurezza, che conferma l’ottimo stato di salute della casa nipponica, la quale introduce nuovi modelli senza il timore di destabilizzare il proprio mercato, visto l’ottimo andamento delle vendite e il gradimento che i Radio-Controllati stanno ottenendo.

L’accoglienza del mercato è stata eccezionale, basta verificare sul corporate-blog di Citizen, Citizenmania, la quantità di commenti e le discussioni tra appassionati molto competenti, per cui gli interessati farebbero bene ad assicurarseli in prenotazione.

itizen Satellite Air

I nuovi prodotti escono infatti dai canoni abituali delle modellerie orologiere, e questo per un’infinità di motivi, che andremo ad analizzare.

AltiChron Cirrus, a catalogo con la referenza BN4034-01E nella versione con misurazione metrica-decimale (quella a noi abituale) e codificato BN5044-01E in quella con misurazione in “feet”, va a colmare un vuoto della modelleria Citizen, che non produceva orologi con altimetro dal lontano 1989.

Il motivo è prettamente tecnico-estetico, in quanto la maison non ha ritenuto sufficientemente innovativo l’eventuale inserimento di un orologio ad alto tasso tecnologico in mancanza di un’innovazione sostanziale.

La situazione è cambiata con la costruzione dei calibri J280 (misurazione in m.) e J290 (misurazione nel sistema inglese), i quali trasformano i dati raccolti dai sensori in una visualizzazione completamente analogica e ben razionalizzata per la lettura.

AltiChron Cirrus, il quale ripete il nome del suo predecessore nella prima parte della sua denominazione, è anche munito di bussola, il che lo rende un prodotto veramente gradito e appetibile, non solo per gli sport dell’aria, ma anche per chi si dedica al trekking o semplicemente alle escursioni anche occasionali.

Il look è veramente accattivante e certamente in linea con quanto ci si attende da un orologio con le caratteristiche che BN4034-01E mette a disposizione.

Riguardo alla mini-collezione dei nuovi orologi satellitari, possiamo addirittura sconfinare nella filosofia aziendale del colosso nipponico e di vita in genere.

Saranno disponibili tra pochi giorni almeno due versioni della serie, e precisamente CC1054-56E, con cassa e bracciale in Titanio, e CC1075-05E, i quali verranno collocati all’interno della Collezione Satellite Wave Air, la quale comprende anche il quasi introvabile modello storico prodotto in soli 990 esemplari numerati.

Si apre con queste nuove proposte addirittura un’epoca, la quale provvede a razionalizzare la scelta degli utilizzatori a seconda delle loro esigenze concrete.

La massificazione di questo specifico prodotto introduce di fatto una nuova categoria a se stante che raccoglie in sè il top della tecnologia applicata all’Orologeria Elettronica.

Va a questo punto a concretizzarsi il progetto di Citizen di suddividere il catalogo in 5 macro-categorie:

1) Orologi a quarzo altamente affidabili, con alimentazione a batteria e prezzo economico (Vagary by Citizen con movimenti Miyota);

2) Orologi a quarzo con sistema Eco-Drive (mai cambio pila), in una fascia di prezzo medio-basso (movimenti Citizen);

3) Orologi a quarzo con sistema Eco-Drive e cassa in SuperTitanio, nella fascia di prezzo media (movimenti Citizen);

4) Orologi a quarzo con sistema Eco-Drive e Radio-Controllo, nel range di prezzo medio-alto (movimenti Citizen);

5) Orologi a quarzo satellitari, inseriti nella fascia alta di prezzo (movimenti Citizen).

Tutto il discorso rientra nella filosofia che fu suggerita dall’augurale discorso dell’allora sindaco di Tokyo in occasionme della presentazione del primo orologio creato dalla maison negli anni ’20 dello scorso secolo, il quale attribuì alla fabbrica il nome “Citizen” auspicando che ogni “cittadino” del mondo potesse un giorno indossare un orologio.

Citizen è in definitiva tutto questo: concretezza e filosofia, tecnica e tradizione, continuità e progresso. Una mission che gli attuali gestori del brand stanno seguendo alla perfezione per la soddisfazione e l’orgoglio degli appassionati del marchio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *