Jaeger-LeCoultre “Reverso for Emergency”, un cuore rosso per il Sudan

Reverso for Emergency. Ecco il titolo e lo slogan della nuova campagna di solidarietà del celebre marchio Jaeger-LeCoultre.
Il Reverso nacque nel 1931, su richiesta di generali inglesi di stanza in India, che
chiedevano un orologio che potesse sopportare i duri colpi durante le partite di polo.

Oggi, nel 2011, Reverso compie 80 anni e in occasione della 68° Biennale del Cinema di Venezia, Jaeger-LeCoultre ha deciso di rendere concreta l’attenzione al concetto di protezione e all’importanza dei movimenti, che sono il cuore dell’orologio, con una attività di solidarietà: Reverso for Emergency, Jaeger-LeCoultre Helps the Salam Centre.

Un’iniziativa e una raccolta di fondi benefica che finanzierà il Centro di cardiochirurgia che Emergency ha aperto a Khartoum, in Sudan, per portare cure a bambini e adulti cardiopatici.
Quale occasione più adatta è stata la kermesse cinematografica per attirare l’attenzione su questa campagna di solidarietà da parte di tutto il mondo vip internazionale!

Anche gli attori Andrea Osvart, Chiara Martegiani, Marina Pennafina e Monica Barladeanu hanno afilato sul tappeto rosso con al polso l’orologio Reverso for Emergency di Jaeger-LeCoultre in occasione della presentazione del film “Maternity Blues” di Fabrizio Cattani.
In particolare il Reverso in questione ha disegnato sulla cassa laccato il simbolo del Centro Salam: un cuore rosso.

Jager-LeCoultre

Le attrici e gli attori, compiendo il gesto di mettere la loro mano sul cuore, hanno così aderito al progetto “Reverso for Emergency: Jaeger-LeCoultre helps the Salam Centre” , che porterà cure a bambini e adulti cardiopatici e a cui Jaeger-LeCoultre garantirà 10 interventi cardiaci al giorno, come 10 sono state le serate della Mostra del Cinema a cui ha partecipato.

Dal 2007 il Centro Salam offre assistenza altamente specializzata a pazienti affetti da patologie cardiache, che non avrebbero altre possibilità di essere operati gratuitamente.
Un Reverso con laccato un cuore rosso al polso e una mano sul cuore per aiutare i malati del Sudan.

Orologio Jaeger Le Coultre, Grande Reverso Ultrapiatto

La maison svizzera Jaeger Le Coultre, ripropone il modello Reverso già celebre nel 1931 in una nuova versione. Questo orologio di gran lusso sarà presentato in anteprima al Salone dell’Alta Orologeria di Ginevra, un orologio di gran lusso e classe.

Grande Reverso Ultrapiatto

L’orologio Jaeger Le Coultre Reverso nacque nel 1931 principalmente per i giocatori di polo, i quali chiedevano un orologio resistente, non ingombrante, e così fu creato il Reverso, un orologio la cui cassa si può ruotare su stessa per proteggere il quadrante dagli urti.

Il nuovo Reverso, riprende molto lo stile del primo della collezione del 1931, ma con una particolarità in più la cassa è ultrapiatta, per essere ancora meno ingombrante, la cassa il nuovo movimento a carica manuale della casa orologera.

Il Grande Reverso Ultrapiatto è disponibile in due versioni Tributo 1931, o con la cassa in acciaio, oppure cassa in oro rosa; le due versioni sono disponibili con quadrante bianco o nero, con indici applicati e cinturino in alligatore.

Questo orologio di gran classe è un collegamento fra passato e futuro, lo stile il design vintage di un tempo, abbinato ai materiali e alle tecnologie nuove e moderne.

Il Grande Reverso Ultrapiatto Tributo 1931, è sinonimo di classe ed eleganza, un orologio di gran classe in pochi millimetri di spessore.

Jaeger-LeCoultre Master Grand Tourbillon Continents, un piccolo capolavoro

Il fascino della miniatura in un orologio.
Nel modello di Jaeger-LeCoultre Master Grand Tourbillon Continents è racchiuso davvero un piccolo mondo artistico.

Jaeger LeCoultre Master Grand Tourbillon Continents

In questo orologio la maison mostra tutta la propria abilità nell’impiego della tecnica della miniatura smaltata.

Sul quadrante infatti sono riprodotti in rilievo i vari continenti colorati a tinte vivaci. Unico e originale è appunto il decoro realizzato secondo la tecnica dello smalto Champlevé, ossia la zona da colorare viene incisa con il bulino, riproducendo direttamente sulla piastra in oro il disegno che viene poi decorato a guilloché e colorato con strati di smalti.

Questo modello è disponibile in tre versioni, con cassa in platino, in oro rosa o in oro giallo, ognuna delle quali è stata realizzata in edizione limitata di soli pezzi.

E’ dotato al suo interno di movimento meccanico a carica automatica JLC 978 con 48 ore di riserva di carica che è visibile attraverso l’oblò in vetro zaffiro posto sul fondello.

Nuovo esposizione di Jaeger-Lecoutre

Viaggiare nel tempo si può…ecco che la storia del famoso Brand Jaeger-Lecoutre, viene introdotta nel panorama mondiale con all’attivo più di cinquecento modelli esclusivi e di grande fascino. La manifattura di Le Sentier, ha anche inaugurato uno spazio nella suggestiva Vallée de Joux, nello stato Elvetico,edificio che si trova tra il palazzo e l’opificio che nel 1830 circa è diventato atelier di Antoine Le Coutre; qui, per l’appunto, è esposta tutta la magnifica collezione di orologi della Casa Svizzera, con più di cinquecento esemplari, tutti dedicati a segnare il tempo. Un tempo preciso!

Orologi Jaeger Lecoutre

In questa collezione Jaeger-LeCoutre, ha esposti circa 300 differenti movimenti meccanici, immersi nello splendido scenario del vecchio laboratorio, proprio nel cuore della manifattura. L’incontro tra Edmond Jaeger e Jacques-David LeCoutre, avvenne nel lontano 1903 ed il mastro orologiaio Parigino, assieme al nipote del fondatore stesso della “LeCoutre & Cie”, cominciarono a collaborare fino ad arrivare nella generazione successiva agli splendidi orologi che oggi noi tutti conosciamo ed apprezziamo per eleganza, precisione e rifiniture, nonché soluzioni tecnologiche all’avanguardia anche dal punto di vista meccanico.

Gli straordinari movimenti che vennero via via nel tempo presentati, hanno segnato davvero la storia per eleganza e innovazione. Alcuni modelli, sicuramente conosciuti e ambiti da molti, sono il Douplan datato al 1925 fino al primissimo Reverso nel 1931, il Memovox del 1950 o il Fuurematic nel 1953. Certo, nei tempi a seguire sono stati presentati anche gli splendidi Polaris nel 1965 o i modelli d’eccezione come per esempio il Gyrotourbillon del 2004, ma già in epoche dove l’orologeria, si stava affermando ma ancora non era conosciuta da tutti, Jaeger-LeCoutre, ha saputo presentare nuovi modelli, sempre più avveneristici, per eleganza e per movimento meccanico.

Nelle sale ove sono esposti questi gioielli, si può ancora respirare l’aria di ingegno, estetica, tecnologia, che da sempre ha caratterizzato l’industria orologiaia Elvetica ed internazionale. Ma non aspettatevi di vedere tante teche con esposti svariati modelli di orologi, perchè l’accoglienza regna sovrana ed infatti, la peculiarità è che quest’aria di epoche passate, viene respirata attraverso un ambiente contemporaneo, con sedili e divani in pelle, pendole di grande prestigio, i tascabili e i mitici orologi da polso.

Continua a leggere

Jaeger Le Coultre – Reverso Grande Complication à Triptyque

Questo modello nel 2007 al Grand Prix D’Horlogerie de Genève ha vinto il premio speciale della giuria. L’orologio è realizzato in platino in edizione limitata di soli 75 pezzi.
Sulla facciata principale del Reverso Grande Complication à Triptyque è visibile un tourbillon con scappamento isometrico, ispirato ai cronometri da marina.

Laeger Le Coultre

Nella seconda faccia un calendario zodiacale è visibile con carta stellare, con indicazione dell’alba e tramonto, ed equazione del tempo.
Menter sulla terza facciata sono visibile le indicazioni del calendario perpetuo attiavato mediante un sofisticato meccanismo che permette il moto dal movimento dell’orologio al Suo telaio.

Il Reverso Grande Complication à Triptyque Jaeger-Le Coultre accogli 18 complicazioni e i meccanismi sono protetti da 6 domande differenti di brevetto. Il calibro dell’orologio prevede un bilancere oscillante dotato di 4 viti per la messa a punto con ruota ultra legera in silicio.

Continua a leggere