Orologi Casio SGW-300H-1AVER. Dedicati all’Outdoor.

Dopo una bella scorpacciata di Orologi Casio di tecnologia di alta fascia (PRW-5000, PRW-1500 e PRG-240), eccomi di nuovo qui con una chicca presentata recentemente da Casio con la nuova collezione autunno/inverno: un bell’ SGW-300H-1AVER, modello appartenente alla linea Sport, ma collocato nella fascia entry level del brand con gli occhi a mandorla. Si tratta di un digitale dedicato all’outdoor e dotato di un doppio sensore (twin sensor) per la rilevazione della pressione atmosferica/temperatura e dell’altitudine.

Orologio Casio SGW-300H-1AVER

L’SGW-300H è disponibile in Italia in due versioni, 300H e 300HD, che differiscono per il colore della cassa (in resina, nera per il primo e antracite per il secondo) e per il cinturino abbinato, che può essere in semplice resina nera (300 H) o in acciaio satinato (300HD). I materiali utilizzati sono i soliti a cui ci ha (ben) abituato mamma Casio e trasmettono una piacevole sensazione di qualità e solidità costruttiva

Il design dell’SGW-300 richiama moltissimo quello dei “fratelloni” Pro Trek, a cui vuole assomigliare non solo sotto il profilo estetico, ma anche sotto quello prestazionale.

La cassa, caratterizzata da spigoli netti, richiama molto da vicino quella del glorioso PRT-40 (uno dei primi Pro Trek), con quattro viti a vista agli angoli e quattro comodi (e grandi) pulsanti alle ore 2, 4 7 e 11. Sul lato sinistro della cassa si trova inoltre il doppio sensore Alti/Baro.

Anche il modulo LCD somiglia a quello del PRT-40, quasi a voler ulteriormente sottolineare la vocazione di vero outdoorer di questo SGW-300. La parte superiore, di un tenue color ambra, visualizza la o le funzioni attive (a seconda della modalità settata: Alti, Baro, Chrono, Timer o Alarm), quello centrale, in un tenue verde smeraldo, ha la forma di un esagono allargato e visualizza delle frecce che compaiono in progressione al trascorrere dei secondi (in modalità ora), oppure la differenza di pressione (+/- 5 hPa) o di altitudine (+/- 5 m), in modalità Baro e Alti, rispettivamente).

Infine, la parte bassa del display, nel classico colore neutro di un normale LCD, indica l’ora, l’altitudine (in m o ft) / pressione (in HPa o mmHg), il chrono, il timer e tutte le altre funzioni standard che possiamo riscontrare in qualunque Casio di recente prouzione.

L’illuminazione del quadrante avviene per mezzo di quattro diodi che emettono una luce di un gradevolissimo colore ambra, in grado di assicurare una copertura efficace e omogenea di tutto l’LCD. Purtroppo non c’è la possibilità di settare l’Auto El per l’attivazione dell’illuminazione con la semplice torsione del polso, ma (proprio come sui “fratelloni” PT!) si può scegliere la durata dell’illuminazione, tra 1 e 3 secondi.

Per quanto riguarda le funzioni legate all’ora (possibilità di settare l’ora legale/solare e quella di altre numerose località mondiali, per il doppio fuso), al chrono (fino a 24 h di conteggio), al timer (fino a 24 h), agli allarmi (5, giornalieri) e alla segnalazione sonora dell’orario (il classico “chime”, dei Casio digitali di una volta, per intenderci, che fa “bip” ad ogni scoccare di ogni ora esatta), non c’è nulla di particolare da evidenziare.

Merita invece di essere sottolineata la possibilità di disattivare il suono dei tasti (feature non tanto diffusa), decisamente utile per usare con più discrezione l’orologio in luoghi pubblici).

Ma veniamo ora all’ormai consueta e immancabile prova on the road. L’ SGW-300, come tutti gli Orologi Casio offre prestazioni di tutto rispetto (considerando la fascia di mercato in cui si colloca), riuscendo a dare del filo da torcere e ad eguagliare i più blasonati Pro Trek di fascia media, seppur con i suoi (ovvi) limiti.

Personalmente testato a fianco di un classico “must” come il PRG-40 (che, comunque, non brilla in precisione, a causa del vecchio triplo sensore, sofferente dell’influenza della temperatura sulle letture di altimetro e barometro) e due più recenti PRW-1500T e PRG-240, l’SGW-300 ha fornito valori di altitudine e pressione/temperatura del tutto in accordo con quelli indicati dai Pro Trek (con grande stupore del sottoscritto).

Ovviamente, è stata necessaria una preventiva (quanto semplice e immediata) calibrazione, effettuata con l’aiuto di una modesta stazione meteo “casalinga” e un GPS.

Se le prestazioni del twin sensor (un sensore a semiconduzione, non implementante la compensazione della temperatura, come sulla maggior parte degli attuali triple sensor in circolazione) non fanno rimpiangere i modelli di fascia media e medio alta, espressamente dedicati all’outdoor, lo stesso non si può dire delle opzioni “di contorno”…manca infatti la possibilità di tracciare (e visualizzare graficamente) il percorso in ascesa/discesa, la possibilità di registrare la vetta più alta raggiunta o l’ascesa in cumulazione, nonché la visualizzazione del trend barometrico in modalità ora (per avere sempre sott’occhio la situazione meteo).

D’altronde, questo modello è destinato ad un’utenza diversa, meno esigente, che si accontenta di avere al polso un fedele (e completo) orologio digitale, con in più qualche funzione “sfiziosa” da sfruttare nelle gite fuori porta con gli amici, a contatto della natura…senza troppe pretese (e senza un’esborso proibitivo!).

A mio parere l’SGW-300 è il giusto compromesso tra qualità/prezzo e prestazioni per chi, magari anche solo incuriosito, vuole affacciarsi al mondo degli orologi outdoor per la prima volta, per poter poi testare qualcosa di più completo, come un vero e proprio Pro Trek, capace di fornire molte più informazioni e (secondo me) di trasmettere molta più emozione (!).

Articolo di Marco Paolillo per LimbiatiOrologeria.it; concessionario e vendita On Line Orologi Casio.

Redazione on Facebook
Redazione
Il Blog degli Orologi è il primo blog di settore nato in Italia, che dà voce ad esperti ed appassionati del mondo dell'orologeria e offre uno spazio di visibilità per i brand italiani ed esteri.
È un progetto WEBCREATIVI, per contattare la redazione, scrivi a [email protected]
2 commenti
  1. Danilo
    Danilo dice:

    Ciao,

    Mi è stato regalato da poco questo Modello di orologio, CASIO SGW 300H, come orologio è accattivante, peccato che le funzioni da esso possedute siano inutilizzabili:

    Il sensore della temperatura , a contatto con il polso , segna 24°C di notte al 20 Febbraio, è totalmente inaffidabile quando l’orologio è indosssato.

    L’altimetro segnala un’altezza di -60 m s.l.m. in una zona data da Google Eart a +50 m.

    Per il barometro non ho avuto opportunità di confronto con strumenti precisi.

    Luce, Cronometro, orario e World Time funzionano correttamente.

    Ciao

  2. Peppe
    Peppe dice:

    Ciao,
    volevo sapere se l’ora è sempre in quel riquadro piccolino in alto che si vede nella foto oppure se è possibile impostarla nel riquadro principale grande.
    Ho letto per esempio che nel SGW400HD1BVER il riquadro principale è occupato dalla data o altimetro e l’ora stà in un riquadro piccolino sulla destra.
    Grazie mille per l’aiuto

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *