Com’è fatto? Ecco il Blancpain Tourbillon

Questa puntata de “Il Laboratorio di Enrico” è dedicata a Blancpain, ovvero la prestigiosa maison orologiera fondata nel 1735 e che quindi risulta attualmente la più antica ancora in attività nel mondo.

Blancpain è specializzata in orologi collocati nella fascia dell’Altissima Gamma.

L’esperienza e la grande affidabilità della maison ci consente oggi di godere di un filmato molto coinvolgente, durante il quale potremo vivere le varie fasi del montaggio e del funzionamento di un tourbillon.

Possiamo far partire il video cliccando sull’immagine qui sotto.

[video_lightbox_youtube video_id=OGCPxy7w2pw width= 899 height=531 anchor=”http://img.youtube.com/vi/OGCPxy7w2pw/0.jpg”]

Come abbiamo potuto osservare, il tourbillon, che risulta di gran lunga la complication più affascinante per gli appassionati di Orologeria, conferma la sua fama.

Dal video risulta inoltre la grande cura e la competenza dei tecnici di Blancpain che, ancora oggi, seppur servendosi delle nuove ed indispensabili tecnologie, montano rigorosamente a mano gli orologi della collezione del brand.

Blancpain infatti dispone di un catalogo molto suggestivo che non conta neppure un esemplare banale o che non abbia ricevuto la cura diretta da parte di un mastro orologiaio, al quale è possibile risalire per ogni singola creazione.

Blancpain: il Tempo senza tempo.

Enrico Cannoletta on Facebook
Enrico Cannoletta
Tecnico orologiaio e gemmologo diplomato presso il Gemological Institute of America specializzato in orologeria meccanica e storia dell’orologeria, è stato uno dei primi tecnici in Italia esperti nella riparazione degli orologi a quarzo analogici, LED e LCD. Titolare insieme al figlio Emanuele della storica Gioielleria Cannoletta di Sanremo fondata da suo padre Antonio nel 1949 e Consulente Tecnico del Tribunale di Sanremo per il settore Preziosi. Collabora da diversi anni con il Blog degli Orologi, il Blog dei Gioielli e altre testate specializzate.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *