Richard Mille RM 016 Titalyt, l’incredibile innovazione del titanio

Richard Mille RM 016 Titaly Richard Mille è senza dubbio una casa orologiera che fa dell’innovazione e della sperimentazione il proprio cavallo di battaglia.
Introduzione di nuovi materiali e nuove soluzioni sia tecniche che estetiche hanno portato a risultati originali e senza dubbio curiosi.

Uno di questi è l’orologio RM 016 che si distingue per la particolare lavorazione della cassa in titanio grado 5, sottoposta al trattamento Titalyt. Si tratta di un processo, inedito nel mondo, di ossidazione del titanio attraverso l’utilizzo dell’elettro-plasma, che permette di migliorare la durezza della materia, il suo coefficiente di sfregamento, la sua resistenza all’usura e alla corrosione, secondo le norme sui materiali aerospaziali.

Questo trattamento biocompatibile è applicato nell’industria aerospaziale, ma anche in quella dell’automobile e in campo medico.
Immediatamente riconoscibile grazie al suo colore unico l’RM 016 Titalyt impiega una cassa inedita per la casa elvetica, a prova di urto e di graffio. Da notare anche il colore del cinturino coordinato alla cassa.

E’ dotato di movimento meccanico a carica automatica, scheletrito, con rotore in titanio a geometria variabile e una riserva di carica di 55 ore.
Il bilanciere oscilla a 28.800 alternanze/ora, mentre il sistema antiurto è del tipo Incabloc.
Richard Mille sottolinea ancora una volta la sua creatività, che tra l’ispirazione dai settori più innovativi come l’industria aerospaziale o quella biomedica, proseguendo lungo un cammino che gli ha permesso finora di riscuotere grande successo presso il pubblico degli appassionati, grazie a interpretazioni inedite e moderne dell’alta orologeria.

[Orologi Richard Mille]

Redazione on Facebook
Redazione
Il Blog degli Orologi è il primo blog di settore nato in Italia, che dà voce ad esperti ed appassionati del mondo dell'orologeria e offre uno spazio di visibilità per i brand italiani ed esteri.
È un progetto WEBCREATIVI, per contattare la redazione, scrivi a [email protected]
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *