A. Lange & Söhne Datograph Perpetual

A. Lange & Söhne Datograph Perpetual

Correggiamo la data solo una volta ogni 100 anni.

Come gli appassionati ben sanno, le grandi maison si sfidano ormai esclusivamente a colpi di tecnica. Sono sempre più frequenti le notizie che riferiscono di record battuti. E le proposte che ci vengono palesate sono sempre più stupefacenti. L’esempio di oggi si riferisce alla più illustre tra le maison tedesche, ovvero A. Lange & Söhne.

La complication che prenderemo in esame è quella del calendario perpetuo. Una sfida che si è aperta quasi subito dopo la concezione del primo orologio con datario, che prevedeva unicamente la data funzionante su 31 giorni.

Si tratta ancor oggi del sistema più diffuso. La seccatura di correggere la data una volta al mese è mitigata da diversi sistemi che facilitano l’operazione. Si va dal vetusto metodo di scorrere le lancette per 24 ore alla scorciatoia di far scattare le 24 e poi tornare alle 20.30. Per poi affidarsi a soluzioni più tecniche come i pulsantini incassati o la data-rapida attraverso una posizione intermedia della tiges.

A. Lange & Söhne ha invece pensato di proporre un movimento che consente di intervenire sul datario soltanto una volta ogni 100 anni. Con la sorpresa positiva che dal 2300 al 2500 l’orologio non avrà necessità di essere corretto.

Si, lo sappiamo tutti: detta così viene spontanea la reazione “ma che bisogno c’è!”. È anche vero però, e dobbiamo ammetterlo, che la genialità di una tecnica così raffinata ci appassiona enormemente.

Una tecnica di alto savoir faire

Un complicato sistema di memoria meccanica consente di far riconoscere al movimento di manifattura L952.1 quali saranno i mesi di 30 e di 31 giorni. Ma anche quali saranno i mesi di febbraio con 28 oppure di 29. E perché “solo” fino al 2100? Perché l’anno così come lo calcoliamo noi differisce da quello astronomico di qualche decina di minuti ogni secolo. È stato calcolato che non basta recuperare un giorno ogni 4 anni, ma si deve anche sottrarre un giorno ogni qualvolta l’anno il cui numero termina con due zeri sia anche divisibile per 400. Ne consegue che il 2100, il 2200 e il 2300 saranno regolarmente bisestili. Mentre il 2400 no.

Per arrivare a “far imparare” tutte queste nozioni al calibro L952.1 sono stati impiegati 556 componenti, di cui 223 per il solo sistema di calendario.

Tutto ciò per consentire ai fortunatissimi possessori di Datograph Perpetual di attendere la mezzanotte tra il 2099 e il 2100 come l’evento in cui potranno correggere il loro fantastico segnatempo. Un’occasione che si ripeterà solo ogni 100 anni (e, come abbiamo visto, neppure sempre).

Ma il Datograph Perpetual, non è “solo” questo! È anche un orologio che oltre a questa fantastica funzione aggiunge al proprio interno la capacità cronografica. Il che rende ricca e suggestiva la cassa arricchita da tre pulsanti. E splendido il suo movimento abbellito da viti antichizzate color cobalto.

E se qualcuno volesse sospettare che sia tutto qui, resterebbe di stucco nell’apprendere che Datograph Perpetual di A. Lange & Söhne è anche un fasi lunari con gran data e con indicazione di giorno della settimana e del mese (provvisto di promemoria dell’anno bisestile).

A questo punto è d’uopo l’esclamazione: “e scusa se è poco”. E poco di certo non è il prezzo di tale meraviglia, almeno secondo i normali canoni. A. Lange & Söhne Datograph Perpetual con cassa in oro bianco e quadrante grigio/rodiato vale €. 121.400,00.

Per qualsiasi informazione ci si può rivolgere all’autore dell’articolo alla casella email [email protected].

Enrico Cannoletta on Facebook
Enrico Cannoletta
Tecnico orologiaio e gemmologo diplomato presso il Gemological Institute of America specializzato in orologeria meccanica e storia dell’orologeria, è stato uno dei primi tecnici in Italia esperti nella riparazione degli orologi a quarzo analogici, LED e LCD. Titolare insieme al figlio Emanuele della storica Gioielleria Cannoletta di Sanremo fondata da suo padre Antonio nel 1949 e Consulente Tecnico del Tribunale di Sanremo per il settore Preziosi. Collabora da diversi anni con il Blog degli Orologi, il Blog dei Gioielli e altre testate specializzate.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *