« | Home | »

Corsi Ambassador: Orgoglio Omega

Autore: Enrico | 29 settembre 2013

Nel progetto di formazione, che comprende tre diversi stage (Master, Ambassador e Grand Ambassador) attraverso i quali i concessionari degli Orologi Omega approfondiscono la conoscenza di questo dinamico e importante brand, il livello Ambassador ricopre un ruolo fondamentale in quanto scava a fondo nel dettaglio tecnico della ricerca di Omega e ne sviscera le caratteristiche essenziali, sia in termini tecnologici, che di marketing, senza dimenticare la filosofia di fondo della maison, sempre più compenetrata nella visione che fu di Nicholas Hayek, presidente storico di Swatch Group, all’interno di una mission abilmente condotta ora dai suoi successori.

Omega

L’ultimo Corso Ambassador in ordine di tempo si è svolto nella splendida cornice di Porto Cervo, dove circa una ventina di Concessionari Ufficiali, pari a quasi un quinto dell’intera rete vendita al dettaglio del prestigioso brand svizzero, sono stati intrattenuti per tre giorni pieni con interessanti relazioni, piacevoli attività ed un trattamento di gran classe all’interno del fantastico Hotel Cervo Resort, struttura turistica di altissimo livello, unica in assoluto ad affacciarsi sulla mitica Piazza del Cervo.

Per l’occasione era presente l’International Trainer dell’University of Omega Mauro Maggiore, coadiuvato dall’impareggiabile Erika Ferrigno Responsabile per l’insegnamento dell’Università del brand per l’Italia.

A Porto Cervo era presente anche l’infaticabile Brand Manager Italia Dr. Andrea Nunziata, il quale ha assistito per intero al programma di Studi, con l’ausilio di collaboratori e Account Managers.

Quello della divulgazione è un aspetto particolarmente sentito in Casa Omega, anche per la quantità di argomenti che all’interno di un progetto culturale possono essere messi in campo.

Omega è forse la maison che vanta il maggior numero di successi spontanei, ovvero non determinati da pre-organizzate campagne di comunicazione sui suoi prodotti.

Il Moon-Watch, ad esempio, è stato scelto autonomamente dalla Nasa per le proprie missioni, e non in conseguenza ad un accordo di marketing.

Lo stesso va detto per tutti quegli orologi detentori di primati mondiali, assurti alla ribalta della cronoca in virtù di un riscontro meritocratico e non virtuale o indotto. Vedi Marine (primo subacqueo), il Tourbillon da polso, il Tourbillon centrale e molti altri ancora.

Nel corso della fase Ambassador, secondo step del programma, i Concessionari approfondiscono ogni aspetto conosciuto nel corso Master, obbligatorio a tutti gli affiliati al mondo di Omega.

Mauro Maggiore, il quale ha riscosso un enorme consenso per le sue caratteristiche umane, ma soprattutto per la sua professionalità, competenza tecnica e abilità generale, ha introdotto l’uditorio anche nell’affascinante universo tecnico di Omega, ponendo l’accento sulle innumerevoli innovazioni introdotte e fornendo un chiaro quadro esplicativo del funzionamento di ogni dettaglio.

I corsi informativi costituiscono nel loro insieme un’occasione importante sia per i Concessionari, ma anche per l’utente finale, il quale ha la certezza di essere seguito durante la scelta da persone competenti e pronte a sciogliere ogni dubbio o perplessità, e questo, nel caso dell’alta tecnologia assimilata al lusso orologiero, non è cosa da poco.

La classe e la signorilità di Casa Omega hanno avuto modo di essere apprezzate dagli intervenuti anche per l’organizzazione impeccabile delle attività collaterali al corso, che hanno visto tutti i presenti impegnati ad esempio in una vera regata al largo di Porto Cervo e dell’Arcipelago della Maddalena, con tre imbarcazioni da regata di sedici metri, da competizione. I partecipanti, suddivisi in tre squadre si sono dati battaglia per circa 4 ore a colpi di virate, boline e strambate, che hanno visto prevalere il team capitanato dall’Account Manager Gianpaolo Allegri e la Sales Manager Simona Sforza.

Altro momento emozionante è stato l’aperitivo organizzato presso il negozio “Tourbillon” di Porto Cervo, adibito per l’occasione interamente a Omega Show-Room, e nel quale si è potuto ammirare il favoloso Tourbillon centrale.

Ritornando ad argomenti più consoni a questa arena editoriale, l’occasione è stata propizia per apprendere anche le nuove strategie approntate da Omega, e che possono essere riassunte con un grande segno positivo nel campo sia delle vendite che delle prospettive.

Sta proseguendo a spron battuto l’introduzione a catalogo dei nuovi calibri di manifattura, i quali arriveranno ben presto a coprire l’interezza dell’assortimento.

Una notizia veramente gradita e inattesa è quella della data del 2017, stabilita per essere quella in cui tutti gli orologi Omega saranno equipaggiati da calibri di manifattura amagnetici > 15.000 Gauss. Si tratta di un vero strappo in avanti del gap che separa le … maison “normali” da Omega.

Altra news ufficialmente annunciata è quella dell’avanzato stato del progetto di apertura di una nuova Boutique Omega in Italia, e precisamente in Via de’Tornabuoni a Firenze.

Durante il corso, Concessionari e staff istituzionale sono stati accomunati da un vero spirito di corpo e da un evidente orgoglio: quello di poter rappresentare il marchio vincente del terzo millennio, con la consapevolezza dei forti e la tranquillità dei vincenti.

Per inciso, i risultati delle prove finali sono stati molto positivi, con un’altissima percentuale dei partecipanti a medie di voto elevatissime, segno di grande competenza di fondo e riconoscimento indiscutibile all’ottimo lavoro di Mauro Maggiore ed Erika Ferrigno.

Nella foto il Brand Manager di Omega Italia Andrea Nunziata con la Bond Girl Berenice Marlohe in occasione dell’inaugurazione della Boutique Omega di Venezia.

Categoria: Omega | Nessun Commento »

Commenti