« | Home | »

Praga la torre dell’orologio

Autore: Fabio Dell'Orto | 11 novembre 2011

Tappa irrinunciabile per ogni turista e meta tra le più fotografate della città di Praga risulta essere, grandiosa ed imponente, la Torre dell’Orologio.

Alta quasi 70 metri, è compresa nel vasto insieme di costruzioni che costituiscono il Municipio di Starè Mèsto. Voluta da Giovanni di Lussemburgo nel 1338, la sede municipale è stata più volte ampliata.
Oggi, al suo interno, è allestita una galleria d’arte. Nella parte superiore della Torre attira l’attenzione dei turisti il famoso Orologio astronomico.

Torre Orologio Praga

Progettato nel 1410 da Mikulàs di Kadane, abile orologiaio, venne perfezionato nel 1490 dall’artigiano Hanùs di Rùze. Secondo la leggenda, al termine dei lavori, Hanùs fu accecato per evitare che ripetesse la sua opera altrove. Inizialmente l’orologio non aveva lo scopo di calcolare le ore, ma di descrivere le orbite del sole e della luna intorno alla terra. Nel XV secolo si pensava che quest’ultima fosse ferma al centro dell’universo con gli altri pianeti che le giravano intorno.

Fu solo nel 1866 che Josef Manès realizzò un sistema di lancette per il grande quadrante azzurro.
Ai bordi dell’orologio quattro figure simboleggiano le preoccupazioni dell’uomo medievale:
la Vanità, la Cupidigia, la Morte e il Turco (la lussuria). Mentre quelle sottostanti riproducono l’Angelo, il Filosofo, l’Astronomo e il Redattore. Allo scoccare di ogni ora, dalle 8 alle 21, le figure si animano e danno vita ad una rappresentazione. La Morte, impersonata da uno scheletro, suona una campana e capovolge la clessidra che tiene nella mano sinistra. Dalle due porticine sovrastanti il quadrante maggiore appare un corteo di Apostoli (guidati da San Paolo), che chinano il capo verso il pubblico e rientrano. Fa la sua comparsa il Turco, che scuote la testa come a volersi sottrarre alla morte.

Allora il Gallo sbatte le ali e canta e l’orologio batte le ore, segnando così la fine dello spettacolo. Veramente un capolavoro ed uno spettacolo nello spettacolo.

Categoria: Notizie | Nessun Commento »

Commenti