« | Home | »

Lancette no grazie

Autore: Fabio Dell'Orto | 12 giugno 2006

Orologi e tatuaggiUna nuova marca nella citt degli orologi, una nuova sfida nel design di un oggetto che non serve più solo a segnare il tempo.
La ditta Stifani SA nata alla Chaux-de-Fonds, la citt che ha inventato l’orologio e dove le più famose marche svizzere hanno la loro sede, esce dal contesto tradizionale dell’orologeria: abbandona le lancette per fondersi con il tatuaggio, creando un nuovo modo di leggere il tempo. L’orologio, oramai, non è più solo un strumento di misura, è uno status symbol, è segno distintivo di ciò che si è o si desidera essere. Il tatuaggio in fondo è la stessa cosa e allora perché non usarlo per indicare il tempo? Ed è così che è nata la collezione Tribale della ditta Stifani: il Drago, il Vichingo, la Farfalla, l’Aquila sono solo alcuni dei nomi dati ai disegni stilizzati che indicheranno l’ora e i minuti sull’orologio. A primo impatto, la lettura dell’ora può sembrare misteriosa, se si sbircia sul polso di chi lo indossa per sapere che ora è, si ha qualche difficolt !
La collezione Stifani si completa con il modello Fuso Orario 24 Ore, il primo fuso orario che permette la lettura istantanea dell’ora in 24 citt del mondo. Naturalmente, per coerenza, anche su questo modello non ci sono lancette, bensì i nomi di 24 citt che prendono il posto che di solito è lasciato numeri e a girare sono le ore e i minuti. Al sito Stifani si può vedere il suo funzionamento.
Gli orologi Stifani montano un movimento al quarzo in metallo Swiss Made, la cassa in acciaio ha sulla base il marchio e altre informazioni impressi a laser.

Si è aperta un nuova era nell’orologeria? Forse si oppure no, ma distinguersi è l’obiettivo del futuro.

Categoria: Notizie | 1 Commento »

1 Commento del Post “Lancette no grazie”

  1. Administrator Ha scritto questo commento il:
    21 agosto 2006 alle 19:12

    peccato che non c’è la foto volevo vederne almeno uno

    beh! devono essere davvero originali anche per chi ama i tatuaggi!

    Rosmary

Commenti