« | Home | »

Il calendario dalla nascita ai nostri giorni [ SECONDA PARTE ]

Autore: Fabio Dell'Orto | 31 agosto 2011

Per oltre 17 secoli il sistema fu adottato in modo incontrastato, ma con lo sviluppo dell’astronomia si osservò che in realtà la durata dell’anno solare non era di 365,25 giorni, ma di 365,2422 giorni e questo, per gente precisa e attenta come erano gli umanisti del rinascimento, epoca della messa a punto delle leggi della prospettiva, delle osservazioni sull’anatomia e altro ancora, non era accettabile. Papa Gregorio XIII fece mettere a punto un nuovo calendario, il Calendario Gregoriano, che prevedeva tre anni di 365 giorni, il quarto anno di 366, chiamato bisestile, che sarebbe però stato soppresso ogni volta che ricorresse un secolo non divisibile per 400, ma per fare ciò c’era da superare un ostacolo non da poco: al momento il calendario era disallineato rispetto al moto del Sole di 10 giorni, come fare? Gregorio XIII decise che, per il bene delle generazioni future, la loro avrebbe rinunciato a 10 giorni, e li soppresse dicendo “oggi è il 5 ottobre, domani sarà il 15 ottobre, e non se ne parla più” (epoca illuminata quella, in cui si prendevano decisioni a proprio discapito per il bene delle future generazioni).

Purtroppo Gregorio XIII, pur facendo un buon lavoro, non previde che un siffatto conteggio del tempo porta a dover fare un aggiustamento di un giorno ogni 3.300 anni, quindi fra 1300 anni qualcuno dovrà preoccuparsi di dire che oggi sarà seguito da dopodomani e che domani è già passato, ma da qui ad allora si potrebbe trovare il modo per allineare il corso della Terra (e non del Sole, come fino al sedicesimo secolo si credeva) al nostro calendario, magari ritardandolo di un giorno.

Si ebbe per un breve periodo anche un Calendario Francese: all’epoca della Rivoluzione Francese un feroce odio verso l’istituzione ecclesiastica spinse a rifiutare persino il calendario ufficiale decidendo, in quel caso, di buttare via il bambino con l’acqua sporca. Quello di nuova concezione aveva un anno di 12 mesi, con 30 giorni ciascuno, più 5 supplementari (sei negli anni bisestili). Anche i nomi dei mesi vennero cambiati, ad esempio Novembre divenne Brumaio, Settembre Fruttidoro, Gennaio Nevoso….Ebbe vita breve: dal 1793 al 1805.

La prima parte dell’articolo.

Marco Parravicini, Orologi & Gioielli Varese.

Categoria: Notizie | Nessun Commento »

Commenti