« | Home | »

Maurice Lacroix punta sul colore blue con Pontos Day Date

Autore: Fabio Dell'Orto | 4 giugno 2010

Maurice Lacroix apre il 2010 in blu.
Con un modello su tutti che sottolinea la sua eleganza senza tempo e rivela la nobiltà dei suoi lineamenti in un blue profondo e solare, che ne esalta anche le funzioni. Si tratta di , perla della collezione Pontos.

Orologio Maurice Lacroix

Sotto il vetro zaffiro, con rivestimento anti-riflesso su entrambi i lati, il contenuto è interessante.
Il quadrante convesso è contraddistinto da indicatori che impongono un design grafico.
Gli apici degli indicatori sono contrassegnati con una sostanza luminescente che abbaglia.
Questi fanno eco alle lancette sfaccettate delle ore e dei minuti, anch’esse in Superluminova.
Esse sono sospese su uno spazio blu infinito, illuminato da una finitura radiosa che sembra ingrandire il quadrante attraverso una brillantezza intensa.

La finestra della data si trova a ore 6. Nella parte opposta del quadrante il giorno della settimana è visibile all’interno dell’arco di un cerchio.
La relazione tra di loro, in qualità di eterni partner giornalieri nello scorrere del tempo, è rispettata. Ogni numero e ogni giorno è evidenziato da una sezione stampata in metallo solido a formare una nicchia appena accennata che spezza l’uniformità.

La cassa, 40 mm di diametro, mostra finiture in contrasto che evidenziano ancora di più il volume.
Le superfici lucide e satinate si alternano in maniera sottile, così che riflettono e catturano insieme la luce. La corona poi presenta motivo a raggiera per una migliore maneggevolezza.
Il movimento di cui è dotato il Pontos Day Date di Maurice Lacroix è il calibro ML09, automatico a carica automatica, conosciuto per le sue performance e la sua affidabilità.

Il cinturino si presenta in vero coccodrillo a grande scaglia nero con rivestimento interno in vitello nero e cuciture nere, e chiusura deployante in acciaio inossidabile con pulsanti e sistema di sicurezza.
E’ resistente all’acqua fino a 50 metri.

Categoria: Maurice Lacroix | Nessun Commento »

Commenti