« | Home | »

Baselworld 2011 – La Fiera dei Sogni

Autore: Fabio Dell'Orto | 9 aprile 2011

Reportage a cura di Enrico Cannoletta.

Parafrasando il titolo della famosa trasmissione del compianto Mike Bongiorno, otteniamo un titolo adeguato a descrivere la Fiera di Basilea 2011.
Tutto il mondo dell’orologeria si da appuntamento nella ridente cittadina svizzera per conoscere trend e novità, nonché ammirare le soluzioni tecniche che i varii brands espongono orgogliosamente in stands in alcuni casi hollywoodiani.

Eleganza, stile, abbondanza. Sono questi gli attributi che balzano immediatamente alla mente del visitatore.
Appena superati i cancelli rotanti ci si trova immersi in un mondo da favola.
Sorge maestoso alla destra di chi entra la locazione di Patek Philippe, che mostra tutta la sua Storia attraverso i movimenti allineati e narrati con magici giochi elettronici di luce.
In tutto il post cercherò di evitare descrizioni estetiche degli orologi, lasciando piuttosto parlare le immagini, che non saranno di grande qualità, ma sono assolutamente riprese in diretta dalla Fiera.

Lo stand di Rolex offre la solita immagine di potenza, con ampie scalinate e costruzioni a torre tonda. Ogni varco è attentamente sorvegliato, lasciando breccia esclusivamente in corrispondenza del desk, dove graziose fanciulle sorridenti porgono i cataloghi delle novità.
I nuovi modelli della marca coronata, in realtà, non presentano innovazioni tecnologiche, accontentandosi di elaborare esteticamente le vincenti collezioni.
Tag-Heuer, che ha scelto il marrone come colore di immagine, si presenta con un dinamico front-office, che in verità oppone un filtro abbastanza severo. Nelle vetrine fanno bella mostra di sé tutte le novità della maison: V4, crono 360.000, Calibro 1887. Tra i pochi a porre in evidenza le innovazioni tecnologiche, Tag-Heuer mostra orgogliosamente il sistema a pignone oscillante, fiore all’occhiello insieme alla ruota a colonna, del suo calibro di manifattura.

Ingresso fiera basilea

Giungiamo infine dinnanzi a Swatch Group. Definire stand questa struttura è estremamente riduttivo, trattandosi di un vero e proprio villaggio dell’orologeria.
I marchi nobili, quali Breguet (con i suoi gran complicati) e Blancpain (con le sue splendide creazioni, le stupende hostess e le auto aggressive sponsorizzate), introducono al ponte di ingresso su cui campeggia la locazione di Omega.
Grande dignità e spazio viene offerta a Longines, dinamicamente rappresentato dai nuovi modelli di crono storici e dall’elegante Collezione Prima Luna.
Tissot, con il suo elegante stand nero, offre un immagine di fresca tecnologia, in linea con le collezioni presentate. Calvin Klein e Rado hanno invece scelto l’esposizione tradizionale di una sala all’interno della quale si può far zig-zag tra una vetrinetta e l’altra, gustando le splendide collezioni esposte. Tiffany ospita i clienti Swatch Group in un lussuoso ristorante allestito innanzi allo stand.

Uscendo dal “Villaggio Swatch Group”, che non ha perso occasione per lanciare messaggi di opulenza, notiamo tra gli altri gli eleganti stand di Glashutte, Ulysse Nardin, Chopard, Oris, Cuervo Y Sobrinos, Zenith, Paul Picot, Eberhard, Breitling, Jaquet Droz, tanto per citare quelli che più hanno colpito l’immaginario del visitatore.

Si prosegue ancora sulla “via giapponese”, occupata da Seiko, ma soprattutto da Citizen, con il suo stand letteralmente preso d’assalto da curiosi e addetti ai lavori, interessatissimi ad una delle novità più eclatanti di Basilea 2011: il primo orologio satellitare. Questa novità pone in secondo piano un’altra new-entry che sarà certamente gradita agli amanti dell’orologio con radio-controllo: il Pilot-Skyhawk, che unisce due tra gli orologi maggiormente graditi dal pubblico negli ultimi anni.

Merita menzione il ricco padiglione posto nella hall 3U, dove i tecnici hanno potuto trovare un’infinità di attrezzature e strumentazioni per orologiai che non ha pari nel mondo.

Non c’è nulla da eccepire: Basilea riesce sempre ad essere all’altezza della sua fama!

Categoria: Eventi | Nessun Commento »

Commenti