« | Home | »

De Grisogono Instrumento N. Uno, un tocco di eccentricità

Autore: Fabio Dell'Orto | 7 giugno 2010

De Grisogono, brand storico di alta gioielleria e da oltre dieci anche sulla scena dell’orologeria, per il 2010 reinterpreta i modelli “cult” che hanno scandito la sua storia e li riveste di un nuovo splendore. Diamanti, zaffiri di colore, rubini… Con l’audacia che lo distingue il fondatore della Maison, Fawaz Gruosi, getta un ponte fra l’orologeria e l’alta gioielleria, mostrando di sapersi muovere da maestro in due universi differenti ma complementari.

De Grisogono Instrumento N. Uno

L’Instrumento N. Uno By De Grisogono a dieci anni dalla sua nascita si riveste di colori.
Conoscevamo il carattere sobrio, le linee possenti e la forma ardita di questo modello. Ma era difficile immaginare che, prendendo le mosse dal suo primissimo orologio creato nel 2000, la mente fantasiosa di Fawaz Gruosi avrebbe saputo muoversi con tanta disinvoltura fino a sfiorare l’eccentricità.

Nella versione maschile il verde, il rosso o il giallo delle lancette, delle cifre arabe che indicano l’ora e degli indici del secondo fuso orario, è ripreso da un’impuntura di uguale colore sul cinturino in pelle di alligatore.

Le versioni femminili, invece, portano un tocco d’impertinenza e di freschezza nella cassa quadrata e incurvata di acciaio annerito.
Gli zaffiri verdi, blu o rosa, incastonati nella cassa, fanno da contrappunto ai quadranti punteggiati da tocchi di vari colori e a cinturini in pelle di sagrì di stile decisamente Pop Art.
Si tratta di un design disinvolto e sbarazzino per questo modello che ospita un movimento meccanico a carica automatica, in cui un doppio fuso orario è associato a un grande datario: due complicazioni tanto utili quanto leggibili.

Categoria: De grisogono | Nessun Commento »

Commenti