« | Home | »

Nuovo Orologio Corum Golden Bridge Automatic, il grande ritorno del movimento baguette

Autore: Fabio Dell'Orto | 7 marzo 2011

Corum si ripropone sul mercato con una rivisitazione di un celebre segnatempo passato alla storia per le sue caratteristiche tecniche particolari.
In particolare il suo movimento a baguette Golden Bridge. Stiamo parlando del nuovo Corum Golden Bridge Automatic.

Sin dal suo lancio, nel 1980, il movimento a baguette Golden Bridge si è fatto notare e ha scritto un nuovo capitolo in orologeria. Trent’anni dopo, la magia di questo straordinario movimento in linea è sempre attuale e il calibro è ancora protagonista della scena con una versione automatica e una cassa in oro rosso o in oro bianco di dimensioni più generose. Queste le novità.

Corum Golden Bridge Automatic

Oggi la star è il nuovo calibro CO 313, che punta tutto sulla linearità e richiede una perizia orologiera fuori dal comune. Il quadrante è suddiviso in due parti e i quattro lati di vetro zaffiro della cassa sono elegantemente costruiti attorno a quest’ultimo, caratteristica questa che ha la funzione di sublimare il movimento automatico di gran carattere.
Si tratta di un’edizione limitata, sono infatti disponibili solo 130 esemplari in oro rosso e 70 esemplari in oro bianco.

Una particolarità sul movimento a baguette a carica lineare: è un calibro CO 313, meccanismo con brida scorrevole e bilanciere a inerzia variabile, 194 componenti, 26 rubini, 28.800 alternanze/ora, riserva di carica di 40 ore. Massa in platino, platina e ponti incisi a mano in oro (18 carati), decorazione guilloché verticale.


La cassa invece è di forma Tonneau, oro rosso (18 carati) oppure oro bianco (18 carati) lucidato e satinato, 37,2 x 51,8 mm, 4 con vetri zaffiro tagliati di forma, il fondello in vetro zaffiro è aperto sul movimento e la corona è scanalata a ore 6.
Il cinturino è disponibile in coccodrillo nero cucito a mano con fibbia ad ardiglione in oro rosso oppure in oro bianco.
Impermeabile fino a 30 metri.

Tags:

Categoria: Corum | Nessun Commento »

Commenti