« | Home | »

Citizen Eco-Drive

Autore: Fabio Dell'Orto | 19 luglio 2012

Siamo nel 1924 quando nell’istituto di ricerca Shokosha viene prodotto il primo orologio da tasca.
La speranza del sindaco di Tokio di allora era quella che questo accessorio, considerato di gran lusso e non alla portata di tutti, potesse diventare un oggetto comune a tutti i cittadini.

Citizen Eco-Drive

Citizen, tradotto nella nostra lingua, significa “cittadini” e proprio per questo motivo i ricercatori dell’istituto Shokosha accolsero con estremo entusiasmo la proposta del nome Citizen che esprimeva egregiamente il concetto di far diventare l’orologio un accessorio indispensabile a tutti e non solo a pochi.

Da allora sono passati anni e Citizen può vantare di aver raggiunto il suo ambizioso progetto assecondando i gusti e le esigenze di tutti i cittadini, offrendo orologi con tecnologie sempre più avanzate.

La novità assoluta nel campo dell’orologeria, si concretizza nel 1946, quando il brand presenta la linea di orologi “ECO-DRIVE” i primi al mondo alimentati ad energia solare ed artificiale e con una riserva di carica che varia, secondo i modelli, da 240 giorni a 7 anni. Questa innovazione ha portato Citizen ad essere un punto di riferimento nella produzione di orologi a livello mondiale.

Modello di punta della linea “ECO-DRIVE” è l’orologio con referenza AT2020-06A.
Gioiello da polso completo di cronografo in supertitanio, materiale che sappiamo essere il 40% più leggero dell’ acciaio.
Un orologio sportivo con cassa in titanio abbinata ad un cinturino in gomma di colore blu, quadrante bianco con indicatori del cronografo e datario a ore 4. Questo modello monta vetro zaffiro antigraffio e antiriflesso, e ha una riserva di carica di 5 mesi con un’ impermeabilità fino a 100 metri.

Ovviamente le creazioni di Citizen stupiscono, oltre che a livello tecnologico, anche a livello di valore commerciale, infatti questo splendido modello della linea “ECO-DRIVE” ha un prezzo di soli 238,00 euro.

Marco Parravicini, orologi citizen Eco-Drive Varese.

Categoria: Citizen | Nessun Commento »

Commenti