« | Home | »

Casio G-Shock GPR-B1000

Autore: Marco Limbiati | 24 gennaio 2018

Con il G-Shock GPR-B1000 la Casio ha finalmente compiuto la mossa vincente: dare a uno smartwatch una carica infinita.

Con l’aggiunta delle celle solari è stato finalmente risolto in maniera brillante il problema principale degli orologi di ultima generazione e ora è possibile utilizzare il proprio smartwatch senza l’angoscia di rimanere “a secco” magari proprio nel momento in cui serve di più.

 

il Casio G-Shock GPR-B1000

il Casio G-Shock GPR-B1000

 

Il Casio G-Shock GPR-B1000 appartiene alla serie “G Shock Rangeman” e il suo aspetto massiccio e imponente non lo rende certamente adatto a tutti i polsi (lo spessore arriva a poco più di 2 cm), ma le prestazioni che lo caratterizzano giustificano senza dubbio le sue dimensioni.

Per quanto riguarda il contenuto tecnico di questo orologio, innegabilmente elevato, si parla della presenza del consueto “triple sensor”, ovvero altimetro / barometro, bussola e termometro, ormai indispensabili per chi ama l’avventura e necessita di qualcosa di affidabile da portare in giro per il Mondo, oltre al modulo GPS che permette di tracciare le proprie rotte e memorizzare i vari punti del percorso.

 

Casio G-Shock GPR-B1000

Casio G-Shock GPR-B1000

 

Tramite la tecnologia bluetooth e l’applicazione dedicata da installare sullo smartphone, G-Shock Connected, è possibile sincronizzare l’orario in caso di assenza di segnale GPS e anche scaricare sull’orologio le mappe desiderate.

Come già detto, il problema dell’alimentazione con l’Orologio Casio G-Shock GPR-B1000 non esiste più in quanto durante la propria attività all’aperto la batteria è ricaricata dal sole; un’esposizione di quattro ore consente un utilizzo del modulo GPS per circa un’ora, un tempo sufficiente a trarsi d’impaccio nella maggior parte dei casi.

 

l'Orologio Casio G-Shock GPR-B1000

l’Orologio Casio G-Shock GPR-B1000

 

La batteria è comunque ricaricabile in modalità wireless tramite la base apposita, ciò che spiega la presenza di un fondello in ceramica dello spessore di circa 2 mm.

Il vetro zaffiro, gli inserti in carbonio del cinturino e un’impermeabilità di 200 m rendono il Casio G-Shock GPR-B1000 un orologio davvero resistente, adatto all’uso in qualsiasi condizione estrema, in acqua come nel fango e nella polvere.

Per averlo occorrono 800€ ma bisognerà attendere Aprile 2018 per poterlo acquistare.

Andrea Job

Categoria: Casio | 1 Commento »

1 Commento del Post “Casio G-Shock GPR-B1000”

  1. Orologio Casio G-Shock GPR-B1000 Ha scritto questo commento il:
    24 gennaio 2018 alle 08:03

    […] Casio G Shock GPR-B1000: l’orologio da polso definitivo!…di Giacomo Tallevi […]

Commenti